Loading…

Presentazione

Il Corso di Dottorato in Design è attivo presso il Politecnico di Milano dal 2008; esso è proposto e coordinato dal Dipartimento di Design, in collaborazione con il Dipartimento di Meccanica e il Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica “Giulio Natta”.
L’obiettivo del corso è preparare designer-ricercatori che, affrontando i problemi e individuando le opportunità della società contemporanea, siano in grado di produrre un contributo di conoscenza originale nel campo del Design. Tale contributo potrà concretizzarsi:

  • nella produzione di progetti, visioni e proposte (Research through Design);
  • nello sviluppo di strumenti e metodologie attraverso cui metterli in pratica (Research for Design);
  • nella riflessione critica sul design e sul suo campo di applicazione (Research on Design).
Obiettivo formativo

Lo scopo dei Corsi di Dottorato del Politecnico di Milano è far acquisire ai candidati gli strumenti concettuali del ricercatore, sviluppando al contempo competenze su uno specifico tema di ricerca, nell’ambito del quale sviluppare un contributo di conoscenza. In particolare, i candidati dovranno apprendere la capacità di:

  • risolvere problemi in contesti complessi, analizzando in profondità il problema, identificando una soluzione originale e valutandone l’applicabilità in contesti specifici.
  • presentare e argomentare il proprio lavoro di ricerca di fronte ad un uditorio internazionale.
Attività formative

Per acquisire gli strumenti concettuali del ricercatore, i candidati dovranno svolgere una serie di attività formative:

1. in primo luogo, si richiede la frequenza di corsi specifici, alcuni obbligatori e altri a scelta (vedi offerta didattica).
2. ogni anno il candidato è chiamato a presentare due avanzamenti del proprio lavoro di fronte ad una commissione composta da docenti del Politecnico di Milano e nominata dal Collegio di Dottorato.
3. è fortemente incoraggiata la partecipazione a conferenze e la pubblicazione dei propri risultati di ricerca in Journal internazionali.
4. i candidati sono infine invitati a fare un’esperienza presso un centro di ricerca internazionale per verificare le ipotesi, le metodologie ed i risultati del proprio lavoro e consolidare la rete di rapporti internazionali entro cui esso si situa.
Tesi di Dottorato

La tesi di dottorato deve contribuire all’aumento della conoscenza nello specifico campo di ricerca individuato dal candidato. Essa deve dunque mettere in evidenza tale contributo, partendo da una approfondita analisi dello stato dell’arte e descrivendo la metodologia di ricerca adottata. La tesi è sviluppata sotto la guida di un relatore che supporterà il candidato nella definizione degli aspetti metodologici e di contenuto della ricerca. Il relatore può anche non appartenere al Collegio dei Docenti; può inoltre essere supportato da uno o più co-relatori. All’inizio del terzo anno di corso, il Collegio di Dottorato nomina per ciascun dottorando un contro-relatore esterno al Politecnico di Milano.

Sbocchi professionali

Il Dottorato in Design intende formare un progettista che sa fare ricerca ed un ricercatore che usa strumenti progettuali; un esperto nella gestione della conoscenza, nell’interazione costruttiva tra diversi attori e nella comunicazione di idee e proposte concrete. L’insieme di queste capacità trova una possibile applicazione in diversi ambiti lavorativi:

  • negli enti esplicitamente preposti allo sviluppo della ricerca in Design, come le università e i centri di ricerca;
  • nelle agenzie di design e nelle imprese più attente alla ricerca e all’innovazione;
  • negli enti pubblici e nelle organizzazioni per lo sviluppo territoriale che, sempre più spesso, si confrontano con problematiche progettuali complesse.
Coordinamento e segreteria

Comitato di coordinamento del Dottorato in Design:

  • Paola Bertola (Coordinatore)
  • Paolo Volonté (Vice coordinatore)
  • Alessandro Biamonti
  • Lucia Rampino
  • Raffaella Trocchianesi

Segreteria didattica e amministrativa:

  • Simona Murina